venerdì 30 Settembre 2022
Home#innovazioneAgroalimentare: Mipaaf, pubblicato avviso sviluppo logistica di 500 mln

Agroalimentare: Mipaaf, pubblicato avviso sviluppo logistica di 500 mln

Il 40% delle risorse andrà alle regioni del Sud. La presentazione delle domande di agevolazione sarà possibile a partire dalle ore 12.00 del 12 ottobre e fino alle ore 17.00 del 10 novembre

È disponibile sul sito del Mipaaf l’Avviso pubblico per l’accesso alle agevolazioni per lo sviluppo della logistica agroalimentare, a favore delle imprese, in linea con le direttive fornite dal decreto firmato dal Ministro Stefano Patuanelli il 13 giugno scorso, a cui sono destinati 500 milioni di euro nell’ambito della misura Pnrr “Sviluppo logistica per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo”. Il nuovo strumento dei “Contratti per la logistica agroalimentare” prevede il sostegno agli investimenti finalizzati a potenziare i sistemi di logistica e stoccaggio, riducendo l’impatto ambientale e rafforzando la competitività delle imprese.

Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi di investimenti in attivi materiali e immateriali, gli investimenti nel trasporto alimentare e gli interventi di innovazione dei processi di produzione, dell’agricoltura di precisione e della tracciabilità. L’ammissibilità dei progetti è subordinata alla destinazione di una quota minima dell’’investimento, alternativamente: alla riduzione degli impatti ambientali e alla transizione ecologica, per almeno il 32% dell’investimento complessivo; o alla digitalizzazione delle attività, per almeno il 27% dell’investimento complessivo. Le domande dovranno essere presentate attraverso la piattaforma informatica www.invitalia.it, la presentazione delle domande di agevolazione sarà possibile a partire dalle ore 12.00 del 12 ottobre e fino alle ore 17.00 del 10 novembre 2022.

Un importo pari ad almeno il 40 per cento delle risorse è destinato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Le agevolazioni saranno concesse sulla base di una procedura valutativa e fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA