venerdì 30 Settembre 2022
Home#newsCovid: intesa Regione-psicologi, in Campania sostegno per 1.600 famiglie con minori

Covid: intesa Regione-psicologi, in Campania sostegno per 1.600 famiglie con minori

L'Ordine psicologi campano riceverà dalla Regione un contributo di 800mila euro, per il supporto a bambini e adolescenti, in collaborazione con i pediatri di libera scelta e i medici di medicina generale

Un contributo regionale di 800mila euro per sostenere 1.600 famiglie campane in un percorso di assistenza psicologica rivolto a minori dai 3 ai 18 anni non compiuti. Questo il risultato dell’intesa tra Regione Campania e Ordine degli Psicologi della Campania, presentato oggi nel corso di un’iniziativa che si è tenuta nella sala Nassirya del palazzo del Consiglio regionale, organizzata da Bruna Fiola, presidente della VI commissione consiliare Politiche sociali della Regione Campania. Il via libera alla misura è stato possibile grazie all’approvazione dell’emendamento presentato dalla consigliera Fiola al collegato alla Legge di stabilità 2021. L’obiettivo è quello di affrontare le conseguenze della delicata fase post-Covid.

Per la prima volta l’Ordine campano riceverà dalla Regione un contributo di 800mila euro, per il supporto a bambini e adolescenti, in collaborazione con i pediatri di libera scelta e i medici di medicina generale. Le famiglie con svantaggio socioeconomico potranno accedere a un ‘voucher’ per un massimo di 10 incontri con uno psicologo e avranno la possibilità di scegliere liberamente il professionista da una short list già disponibile sul sito dell’Ordine.

“E’ una giornata importante – afferma Fiola – la Regione Campania è l’unica che ha attivato questo tipo di iniziativa con un intervento che ho presentato a giugno dello scorso anno e che finalmente parte con l’attivazione del protocollo tra Regione e Ordine degli Psicologi. E’ una misura a ‘burocrazia zero’, in quanto le famiglie potranno rivolgersi direttamente al loro pediatra di libera scelta o dal medico di medicina generale e saranno questi ultimi ad attivare la misura. Niente domande, niente attese, niente documentazione da preparare, solo il consiglio e il supporto del proprio medico. E la prima volta che la Regione stanzia questi fondi, 800mila euro di risorse proprie, dando a un ente terzo come l’Ordine degli Psicologi la possibilità di gestirli, proprio per creare meno problemi alle famiglie”.

spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA