lunedì 15 Agosto 2022
Home#cultura'Con il Sud', la lettura per fare rete nel Mezzogiorno: bando da...

‘Con il Sud’, la lettura per fare rete nel Mezzogiorno: bando da 1mln

Il bando, svolto insieme a Centro per il libro e la lettura in collaborazione con Anci, vuole valorizzare il ruolo delle biblioteche nel Sud come luoghi di inclusione sociale e spazi di rigenerazione urbana

Valorizzare il ruolo delle biblioteche comunali nel Sud Italia come luoghi di inclusione sociale e spazi di rigenerazione urbana. Un modo per fare rete al Sud, attraverso la lettura e la cultura. Questo l’obiettivo del bando “Biblioteche e Comunità”, appena varato dalla Fondazione con il Sud.

Il Bando è alla seconda edizione ed è svolto insieme al Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci). Le risorse disponibili ammontano a un milione di euro, così distribuite: 500mila euro a disposizione dalla Fondazione, gli altri 500 mila dal Centro per il libro e la lettura, a valere sul Fondo per la promozione del libro e della lettura.

Il Bando si rivolge alle organizzazioni del Terzo settore al fine di sostenere progetti socio-culturali che coinvolgano le biblioteche nei comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia che hanno ottenuto la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2020-2021.

I progetti, della durata di 24 mesi, dovranno essere orientati a produrre un cambiamento nel rapporto tra istituzione bibliotecaria e territorio, avviando processi che includano il miglioramento dell’accesso agli spazi (extra-orario, serale, nel fine settimana), al patrimonio bibliotecario (letterario, audiovisivo, musicale, multimediale, Ict etc.) e ai servizi di supporto alla lettura e allo studio. Ed inoltre occorrono modalità innovative di partecipazione, confronto e coinvolgimento delle persone svantaggiate, tradizionalmente escluse dai processi culturali.

Il presidente della Fondazione Con il Sud, Carlo Borgomeo, ha così descritto l’intento del bando: “Partire dalla cultura per generare coesione sociale e, dunque, sviluppo”. Aggiungendo che “per la seconda volta, attraverso una proficua collaborazione tra pubblico e privato sociale, portiamo avanti in concreto. Lo facciamo puntando su valorizzazione e potenziamento delle biblioteche comunali, presidi importantissimi non solo di cultura, ma anche di incontro, scambio e crescita umana”.

Marino Sinibaldi, presidente del Centro per il libro e la lettura ha sottolineato come il progetto miri a favorire la crescita “di reti territoriali senza le quali qualunque iniziativa legata al mondo del libro e della lettura è destinata a risultare astratta o deperire. Le comunità devono sentire come propri i luoghi della lettura, in particolare le biblioteche che sono i nodi cruciali di questa rete e i luoghi principali di accesso a un diritto che è elemento fondamentale di cittadinanza”.

Secondo dati Istat 2021, sono 7.425 le biblioteche pubbliche e private, statali e non statali, aperte al pubblico in Italia nel 2019 (escluse quelle scolastiche e universitarie). Il 58,3% del totale dei comuni ne ha almeno una; due su tre (il 68,5%) sono civiche a titolarità comunale e più della metà è al Nord (58,3%). Secondo l’Osservatorio sulla povertà educativa Con i Bambini Openpolis, le biblioteche che dichiarano una apertura al pubblico superiore alle 40 ore settimanali sono il 15,4% nel centro Italia, il 9,4% nel nord-est, il 7,7% nelle isole, il 6,8% nel nord-ovest e il 6,6% al Sud.

La partecipazione al bando sarà aperta fino al 16 settembre 2022 per chi provvisto di requisiti. Al fine della partecipazione, sarà necessario creare un partenariato composto da almeno tre organizzazioni: una del terzo settore (soggetto richiedente), una o più biblioteche comunali e un’altra organizzazione che potrà appartenere al mondo del terzo settore, delle istituzioni, delle imprese e della scuola, dell’università e della ricerca.

I progetti in linea con gli obiettivi del bando riceveranno un contributo massimo di 100mila euro, fino al completo utilizzo delle risorse disponibili. In ogni caso, il finanziamento non potrò superare l’80% del costo complessivo del progetto stesso. Le proposte dovranno essere presentate attraverso la piattaforma Bandi del Centro per il libro e la lettura (https://bandi.cepell.it/) entro e non oltre le 13 del 16 settembre 2022.

Sofia Antonelli
Ho conseguito la Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali presso la Luiss Guido Carli di Roma. Curiosa per natura e appassionata di storia e di musica. Tra le tematiche che mi stanno più a cuore, la tutela dei diritti umani e le questioni di giustizia sociale e distributiva.
spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA