lunedì 15 Agosto 2022
Home#newsDonne di Calabria: la storia della prima sindaca italiana

Donne di Calabria: la storia della prima sindaca italiana

In onda martedì 5 luglio su Rai Storia il racconto di Caterina Tufarelli Palumbo, donna dal profondo senso civico impegnata per l’emancipazione femminile

La storia della prima donna sindaca in Italia Caterina Tufarelli Palumbo – ricostruita attraverso filmati e immagini di repertorio, illustrazioni animate e alcune testimonianze. Una ricostruzione proposta da “Donne di Calabria” – una coproduzione Calabria Film Commission e Anele, in collaborazione con Rai Cultura, prodotta da Gloria Giorgianni con Emma Di Loreto, da un’idea produttiva di Giovanni Minoli – in onda martedì 5 luglio alle 22.10 in prima visione su Rai Storia. A dare volto e voce alla protagonista della puntata diretta da Domenico Modafferi è Tea Falco. Camilla Tufarelli Palumbo viene eletta sindaca nel comune di San Sosti (Cs) a soli 24 anni, dopo le elezioni del 1946, le prime in cui le donne possono votare ed essere votate.

Dopo essersi laureata in giurisprudenza a Roma, Caterina si impegna da subito per ricostruire San Sosti, piccolo borgo montano nel Parco Nazionale del Pollino. Grazie all’amicizia nata ai tempi del collegio romano con le figlie di Alcide De Gasperi, che nel frattempo era diventato Presidente del Consiglio dei ministri, ottiene i fondi per ricostruire la maggior parte delle opere distrutte dalla guerra, come il campanile, i mercati, il cinema, le scuole, e costruisce molte nuove infrastrutture che arricchiscono il paese cosentino. Mossa da un profondo senso civico e dal desiderio di supportare le classi più deboli promuove l’alfabetizzazione, la costruzione di asili nido e dell’orologio cittadino per permettere ai contadini di non lavorare oltre le ore per le quali vengono pagati.

Se empatia e umiltà hanno contraddistinto il suo lavoro e la sua persona, noto è anche il suo impegno per l’emancipazione femminile, che dimostra sdoganando l’uso della bicicletta, considerato al tempo un mezzo di dubbia moralità per le donne. Una donna di fede che per oltre trent’anni è anche Presidente delle Dame di Carità, dedicandosi agli orfani, ai disabili e agli anziani. Nel 2016, l’allora Presidente della Camera Laura Boldrini decide di inaugurare la “Sala delle Donne” a Palazzo Montecitorio dove sono raffigurate donne esemplari che hanno avuto un ruolo di rilievo nella Repubblica italiana, come le donne sindaco: tra queste anche Caterina Tufarelli Palumbo.

Il racconto si arricchisce di interviste a testimoni come la deputata Giusy Versace, lo scrittore Claudio Cavaliere, l’ex sindaca di Rosarno Elisabetta Tripodi, la cugina Maria Rita Acciardi, il parroco di San Sosti Monsignor Carmelo Perrone, il figlio Giorgio Pisani e la nipote Camilla Pisani. A fare da sfondo al racconto, i luoghi della Calabria in cui Caterina ha vissuto e lavorato come la sua casa a Castrovillari, Villa Katty, il borgo di San Sosti, San Giovanni in Fiore e il Santuario della Madonna del Pettoruto a cui era molto devota.

spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA