domenica 4 Dicembre 2022
Home#attualitàAmministrative 2022: il secondo turno vede Pd rafforzato, astensione da record

Amministrative 2022: il secondo turno vede Pd rafforzato, astensione da record

A Catanzaro vince inaspettatamente Fioria, sostenuto da Pd e 5stelle, a Barletta Cannito (centrodestra)

Il secondo turno delle amministrative vede la netta vittoria del Pd: il partito di Enrico Letta conquista al ballottaggio del 26 giugno Verona, Alessandria, Cuneo, Monza, Piacenza e Catanzaro. Il centrodestra prevale a Lucca, Barletta, Frosinone e Gorizia, mentre a Viterbo e Como vincono candidati di liste civiche.

Astensione da record

Al secondo turno chiamati al voto oltre 2 milioni di italiani in oltre 65 Comuni. Secondo i dati del Viminale hanno votato il 42,16% degli aventi diritto, percentuale in calo rispetto al primo turno quando l’affluenza era stata del 54,77%. Un’astensione che dipende da un’offerta politica troppo frammentata e precaria per convincere l’elettorato.

al primo turno il centrodestra aveva vinto in 11 città

Al primo turno il centrodestra aveva già conquistato L’Aquila, Palermo, Rieti, Belluno, Pistoia, Palermo, Asti, Genova, La Spezia, Oristano e Messina, mentre il centrosinistra aveva vinto solo a Padova, Taranto e Lodi.

Fiorita (Pd-5stelle) sindaco di Catanzaro: rovesciati i risultati del primo turno

A Catanzaro fa centro l’alleanza Pd-5stelle: Nicola Fiorita diviene primo cittadino della città con il 58,24% di preferenze. Fiorita ha ribaltato il risultato del primo turno che aveva visto prevalere con il 44,01% di voti lo sfidante Valerio Donato, sostenuto da una coalizione composta da 5 liste di centrodestra, fra cui Forza Italia e Lega.

A Barletta prevale il centrodestra

A Barletta con il 65% di voti Cosimo Cannito vince sulla rivale del centrosinistra Santa Scommegna. Il candidato del centrodestra sostenuto da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia e altri partiti minori era stato eletto sindaco per la prima volta nel 2018 ed era stato sfiduciato a ottobre 2021 dal consiglio comunale.

le divisioni interne al centrodestra

Per i candidati del centrodestra la sconfitta dipende dalle divisioni interne allo schieramento. Secondo Giorgia Meloni “Basta litigi, a partire dalla Sicilia. Non possiamo rischiare di perdere le elezioni politiche. Per questo chiederò a Matteo Salvini e Silvio Berlusconi di vederci il prima possibile per evitare ulteriori divisioni”.

E Matteo Salvini risponde così all’appello della leder di Fratelli d’Italia: “Per me l’incontro si può fare anche domani, non è possibile perdere in città importanti perché il centrodestra si divide e sceglie di non allargarsi e di includere altre forze ed energie, per paura, per calcolo o per interesse di parte. Vediamoci e prepariamo la prossima squadra e il prossimo progetto di governo, subito, insieme”.

“Un risultato straordinario che ci soddisfa pienamente. Un risultato che è ancora più importante se si va a vedere nel merito: noi rovesciamo molto significativamente sindaci uscenti di centrodestra” queste le parole del segretario del Pd Enrico Letta.

Giorgia Caianiello
Ho conseguito la laurea magistrale in Governo e Politiche alla Luiss Guido Carli di Roma. Sono appassionata di libri e cultura classica. Nel tempo libero scrivo poesie e corro.
spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA