lunedì 8 Agosto 2022
Home#newsColdiretti Puglia: 'filiera agroalimentare soffre per blocchi tir, navi non scaricano'

Coldiretti Puglia: ‘filiera agroalimentare soffre per blocchi tir, navi non scaricano’

Danni incalcolabili dal campo alla tavola, rischio di scaffali vuoti. Le navi merci di grano e mais ripartono dal porto di Bari senza aver scaricato

”Puglia paralizzata dallo sciopero dei tir con navi merci di grano e mais che ripartono dal porto di Bari senza aver scaricato, mentre intere pedane di ortaggi, funghi, fiori e frutta stipate da ore nei camion sono da già da buttare per il blocco della catena della distribuzione alimentare’‘. Così la Coldiretti Puglia, sulla protesta degli autotrasportatori, che in Puglia sono fermi o in presidio per il caro-carburanti già da quattro giorni. Secondo Coldiretti resta un’autonomia di 5 giorni nelle stalle per l’alimentazione degli animali poi le scorte di mais saranno esaurite“.

Con l’85% delle merci che viaggia sui strada lo sciopero dei Tir con i blocchi stradali provoca danni incalcolabili, dal campo alla tavola – aggiunge Coldiretti Puglia – con i prodotti deperibili come frutta, verdura, funghi e fiori fermi nei magazzini che marciscono e il rischio concreto di scaffali vuoti anche per la mancanza di forniture all’industria alimentare costretta a fermare gli impianti di lavorazione. Le celle delle aziende agricole stanno letteralmente ‘scoppiando’ di cibo che non riescono a raggiungere le piattaforme logistiche italiane di distribuzione – sottolinea ancora la sigla agricola – con alcuni tir già carichi di prodotti deperibili fermi sulle strade, con uno sciopero ormai ad oltranza ed il rischio che il cibo vada irrimediabilmente buttato”.

Secondo i dati della Coldiretti, in Puglia il settore dei trasporti (34,6% dei consumi finali) si conferma tra l’altro il settore più ‘energivoro’ ed è caratterizzato da un largo utilizzo di combustibili liquidi che coprono il 93,9% dei consumi del settore, sulla base dei dati MISE, Terna ed Enea. ”A subire gli effetti dei rincari – conclude la Coldiretti – è l’intera filiera agroalimentare, dai campi all’industria di trasformazione fino alla conservazione e alla distribuzione”.

spot_img

PRIMO PIANO

IN EVIDENZA