venerdì 18 Giugno 2021
Home#news"Non chiamateli eroi", Gratteri e Nicaso raccontano le storie delle vittime di...

“Non chiamateli eroi”, Gratteri e Nicaso raccontano le storie delle vittime di mafia

Il magistrato e il docente nel loro ultimo libro destinato ai più giovani (ma non solo) raccontano le vite delle persone che hanno deciso di difendere le proprie idee guardando gli uomini dei clan negli occhi: "L'alba di un nuovo giorno è possibile"

È in libreria, edito da Mondadori, il nuovo libro di Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro, e Antonio Nicaso, esperto di ‘ndrangheta e docente di Storia sociale della criminalità organizzata alla Queen’s University in Canada. Il titolo è emblematico: “Non chiamateli eroi” e ripercorre le storie di alcune vittime di mafia partendo dalle figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il volume, che è stato arricchito con le illustrazioni di Giulia Tomai, unisce le storie di Giuseppe Letizia uccisa a Corleone a soli 13 anni; Peppino Impastato; Giorgio Ambrosoli; Carlo Alberto dalla Chiesa; Rosario Livatino; Libero Grassi; don Pino Puglisi; Lea Garofalo; Rocco Gatto; Giuseppe Di Matteo; Gelsomina Verde; Annalisa Durante; Cocò Campilongo. A queste si intrecciano altre storie, fino all’analisi finali degli autori, a un glossario dedicato alle parole più importanti e una buona descrizione delle fonti. “Non chiamateli eroi” è destinato principalmente ad un pubblico giovane, ma la scrittura, semplice e concreta,e le testimonianze che contiene, consentono a chiunque di approfondire, scoprire o rileggere storie che hanno segnato direttamente la lotta alle mafie.

Nel volume c’è l’idea progettuale dei due autori: “A trent’anni dalla morte dei due magistrati che non volevano essere chiamati eroi, Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricordano le vite di chi, guardando la mafia negli occhi, ha deciso di difendere le proprie idee, la propria dignità. I loro sogni, la loro speranza, il loro coraggio sono un modo per non dimenticare e per ricordare che “Si può fare qualcosa, e se ognuno lo fa, allora si può fare molto”.

Nella nota finale del libro Gratteri e Nicaso hanno spiegato: “Raccontare la storia di chi è morto per mano delle mafie, i loro sogni, le loro speranze, la loro normalità, ma anche il loro coraggio, è un modo per non dimenticare, per farli rivivere. La memoria del loro sacrificio – insistono gli autori – deve spingere a impegnarsi per costruire un Paese che sia veramente libero dalla paura, dal bisogno, ma soprattutto dal condizionamento mafioso e dai maneggi elettorali. È opportuno passare dalla eroicizzazione all’umanizzazione delle vittime. Per tutti, dovrebbero valere le parole profetiche di Rocco Gatto, un mugnaio calabrese ucciso dalla ’ndrangheta nel 1977: ‘La loro forza sta nella nostra debolezza, nella nostra paura’ ripeteva spesso, riferendosi agli uomini che da lì a poco lo avrebbero ammazzato. ‘Ma se tutti ci muoviamo, se li smascheriamo, li possiamo vincere. Loro sono pochi, noi siamo molti’”.  

Per questo, l’idea di Gratteri e Nicaso è che “la lotta alle mafie deve passare da una corresponsabilità dell’intero sistema istituzionale, culturale, sociale ed economico. Oggi più che mai c’è bisogno di conoscenza, ma soprattutto di scelte, coraggiose e inequivocabili. Quelle che spesso portano a schierarsi dalla parte della consapevolezza, piuttosto che da quella dell’indifferenza. L’alba di un nuovo giorno è possibile. Le parole sono pietre. Usiamole – affermano gli autori – per costruire ponti, per unire le coscienze di chi non sopporta più la tirannide delle mafie, l’ipocrisia di chi dovrebbe combatterle e le menzogne di chi continua a girarsi dall’altra parte”. 

- Advertisement -spot_img
FonteAgi
redazionehttps://sudefuturi-magazine.it/
IL MEZZOGIORNO AL CENTRO DELLA NOTIZIA
spot_img

IN EVIDENZA