Ricostruito il meccanismo del computer più antico del mondo

Tempo di lettura: 2 minuti

Si tratta della macchina di Anticitera, il sofisticato calcolatore astronomico in bronzo costruito dagli antichi Greci per predire le eclissi, le fasi lunari, la posizione del Sole e dei cinque pianeti allora noti


Dopo oltre duemila anni potrebbe essere prossimo alla soluzione il mistero del primo “computer” analogico della storia: si tratta della macchina di Anticitera (o meccanismo di Antikythera), il sofisticato calcolatore astronomico in bronzo costruito dagli antichi Greci per predire le eclissi, le fasi lunari, la posizione del Sole e dei cinque pianeti allora noti. Il suo complesso meccanismo a ruote dentate è stato ricostruito dai ricercatori dell’University College di Londra mettendo insieme le più recenti indagini scientifiche condotte sui suoi frammenti e le antiche iscrizioni incise su di essi. La replica “moderna” della macchina, descritta sulla rivista Scientific Reports, verrà presto riprodotta con tecniche antiche per validarne la fattibilità.

il mistero di ancitera interroga gli studiosi dal 1901

La ricostruzione proposta rappresenta un notevole passo avanti nell’annosa diatriba sul funzionamento del meccanismo di Anticitera, un vero e proprio rompicapo che interroga gli studiosi fin dal giorno del suo ritrovamento, avvenuto nel 1901 in un relitto di epoca romana affondato vicino all’isola greca di Anticitera, a nord-ovest di Creta. Solo un terzo dell’antico calcolatore è stato recuperato, per di più frammentato in 82 pezzi.

i reperti hanno rivelato una sorta di “manuale di istruzioni”

I reperti, analizzati ai raggi X nel 2005, hanno rivelato migliaia di caratteri incisi, una sorta di “manuale di istruzioni” sul funzionamento del cosmo meccanico a manovella. I ricercatori britannici guidati dal matematico Tony Freeth sono ripartiti proprio da queste descrizioni e, grazie a un antico modello matematico descritto dal filosofo greco Parmenide, sono riusciti a spiegare come la macchina riproduceva il movimento dei pianeti su cerchi concentrici, minimizzando il numero di ingranaggi in modo da compattare il meccanismo in uno spazio di appena 25 millimetri.

restano tante le domande senza risposta

Nonostante questo progresso, resta ancora fitto il mistero sul reale utilizzo che veniva fatto della macchina di Anticitera e sul motivo per cui i Greci, capaci di un simile esempio di ingegneria meccanica, non abbiano inventato altre tecnologie avanzate come gli orologi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *