Natale in sobrietà: sette italiani su dieci dicono sì

Tempo di lettura: 2 minuti

Sondaggio Acqua/Adnkronos: tra i favorevoli a rinunciare alla tipica socialità del periodo natalizio uomini un po’ più prudenti (il 78%) rispetto alle donne (il 61%)


Un Natale senza tavolate e veglioni. Sette italiani su dieci sono d’accordo con il governo, che chiede di rinunciare alle grandi riunioni familiari e alle feste anche durante il periodo di vacanza, per evitare una nuova ondata di contagio da covid. E’ quanto emerge da un sondaggio Emg-Acqua/Adnkronos. Alla domanda: ‘per l’emergenza Coronavirus il governo sta pensando ad un Natale più sobrio: niente cenoni, tavolate e veglioni. Lei è d’accordo?’, il 33% del campione ha risposto ‘molto’ d’accordo e il 36% si è detto ‘abbastanza’ d’accordo. Ben il 69% degli italiani, dunque, è in linea con le indicazioni dettate dalla cautela. Il 14% del campione si definisce ‘poco’ d’accordo, il 5% ‘per nulla’ (il 12% non risponde).

molto diversificata la risposta per fasce d’età

Tra i favorevoli a rinunciare alla tipica socialità del periodo natalizio, uomini un po’ più prudenti (il 78%) rispetto alle donne (il 61%). Molto diversificata la risposta per fasce d’età. Tra i favorevoli alle ‘restrizioni’, solo il 33% è nella fascia tra i 18 e i 34 anni; il 66%, in linea con il dato medio, tra i 35 e i 54 anni, mentre ben il 90% dei favorevoli alle rinunce è over 55 anni.

sotto la media il dato di nordovest e isole

Più omogenea la distribuzione territoriale. Tra chi dice sì al Natale in tono minore, poco sopra il dato medio, il 74% è al Nordest, il 76% al Centro, il 71% al Sud. Sotto la media invece il dato al Nordovest e Isole, entrambi al 62%. Il sondaggio, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne per sesso, età, regione, classe d’ampiezza demografica dei comuni, è stato realizzato il 23 novembre 2020 con il metodo della rilevazione telematica su panel, su un campione di 1321 casi (universo: popolazione italiana maggiorenne), e presenta un intervallo fiduciario positivo/negativo del 2,3%. Totale contatti: 2000, tasso di risposta 66%; rifiuti/sostituzioni 679 (tasso di rifiuti 34%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *